Il sogno atavico del volo a 3500 metri, tra Cervino, Gran Paradiso e Monte Bianco

Da alcuni anni gli “Icaro” che si cimentano (con maggior fortuna) nelle attività “volanti” sono aumentati vertiginosamente. Il Paracadutismo, attività in passato prerogativa dei militari è oggi assai diffusa. Allo stesso modo, forse in maniera ancor più significativa, sono aumentati i praticanti del volo in parapendio. Alla base di tale diffusione ci sono la morfologia del territorio valdostano e l’avvento delle nuove tecnologie che, oggi, propongono persino attrezzi biposto, oltre alla possibilità di praticare questo sport in carrozzella. A tali attività s’affiancano il volo a vela (aliante), quello a motore, il deltaplano e le spettacolari, coloratissime mongolfiere. L’aeroporto di Aosta “Corrado Gex”, situato a 2 km dall’ingresso in città, è sede dell’Aero Club della Valle d’Aosta. Antey-Saint-André, comune sulla strada per Cervinia, è, invece, sede logistica del principale centro di Parapendio della Valle d’Aosta, ove è possibile volare tutto l’anno, tempo permettendo.